Skip to content

Cadempino

Cadempino

Il Comune di Cadempino ha un territorio piuttosto esiguo (7,6 chilometri quadrati), posto sulla sponda sinistra del Vedeggio confinante a nord con Lamone, a est con Cureglia, a ovest con il fiume Vedeggio e Manno ed a sud con Vezia. Attualmente gli abitanti di Cadempino sono circa 1’550 e si va verso una stabilizzazione demografica, questo poiché i sedimi disponibili per l’edificazione privata si sono fatti sempre più rari. Il Comune è suddiviso in tre parti: Ronchetto, Cadempino di sopra e Cadempino di sotto. La prima si trova tra i due ruscelli Ponteggia e Valle del Gaggio; la seconda ad est della ferrovia e della strada cantonale; la terza ad ovest delle due arterie.

Il Gonfalone di Cadempino

Secondo Gastone Cambin nell’Armoriale dei comuni ticinesi, è “d’azzurro, alla chiesa d’argento chiusa e murata di nero, tegolata di rosso, sinistrata da un pino di verde; in capo palma e spada d’argento disposti a croce di S. Andrea”. Ricorda l’oratorio dei Santi Gervasio e Protasio, sormontato dai loro attributi. Il Comune volle così ricordare il vecchio Cadempino, che doveva trovarsi nelle vicinanze di questo luogo sacro. Narra una leggenda che, durante l’epidemia di peste del XV secolo, venisse a morire quasi tutta la popolazione e si salvassero solamente due fratelli: Pino e Mario. Il primo fondò l’attuale Cadempino, il secondo Cademario.

Cenni storici

Non esiste una certezza sull’origine del nome e, in mancanza di dati, o elementi sicuri, dobbiamo affidarci a alcuni documenti, che certificano l’esistenza del nome Cadempino già nell’anno 844. A quei tempi il nome risultava un po’ storpiato e sembra che fosse un Cadampri che, col tempo si è via via trasformato in Catapino, Candulpino, Cadopini e Cadompino per poi stabilizzarsi, prima del XI secolo in quello ancora attuale di Cadempino. Sembra che a quell’epoca il “padrone “ del comune fosse un certo Totone da Campione che lo lasciò in eredità ai fratelli Agnello e Fiorenzo i quali, in sede di giudizio dovettero riconoscere che appartenevo al Monastero dei Cirtencesi di S. Ambrogio di Milano. Nel XII secolo, iniziarono i conflitti tra il Monastero citato e il Vescovo di Como Anselmo Raimondi così che, tra una lotta e l’altra, Cadempino  cambio’ nuovamente padrone passando sotto la protezione dei Duchi di Milano.

Di certo c’è che ha sempre avuto qualcosa in comune con Lamone, tant’è vero che iniziarono subito le controversie per stabilire i confini giurisdizionali tra i due comuni. La prima delle quali già nel 1803 e fu solo nel 1807 che una speciale delegazione, nominata dalle rispettive assemblee dei due comuni addivenne ad una convenzione che “de bono et aequo” pose fine ad ogni discussione stabilendo in modo definitivo le rispettive ubicazioni.

Cadempino è, dunque, un comune antichissimo. Lo testimonia anche  l’Oratorio dei SS Gervasio e Protasio, vero orgoglio del comune, costruito prima del 1000 come ricordato nella monografia del Don Sarinelli, dove si cita un documento conservato nell’archivio vescovile di Milano che ne fa cenno ancor prima del 881. Il primo deposito postale venne ottenuto nel 1890 con la nomina, l’anno successivo, del primo depositario postale nella persona del signor Giovanni Lepori. Il deposito fu poi abolito nel 1933 quando fu creato un ufficio unico per Lamone e Cadempino in un nuovo locale sito nelle vicinanze della stazione ferroviaria. 

Oggi Cadempino è diventato sicuramente un comune all’avanguardia nella gestione del territorio e delle infrastrutture. Una rete viaria molto curata e ben asfaltata, un pozzo di distribuzione dell’acqua potabile completamente rinnovato che garantisce la fornitura a tutta la popolazione anche nei periodi di forte siccità, un centro dedicato alla pratica di varie attività sportive, una casa dell’infanzia, mentre le scuole elementari sono in consorzio con Lamone. Da segnalare, inoltre, la presenza nel territorio di numerose aziende ed industrie che hanno contribuito considerevolmente alla crescita del comune.   

Municipio di Cadempino

Via Strécia 3 –  Tel. 091 966 93 44  – Fax 091 967 12 03 – municipio@cadempino.ch

Orari di Apertura cancelleria comunale : da lunedì a venerdì : 10.00 – 12.00 /  14.00 – 16.00 

Condividi!

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest