I COMUNI DEL TERRITORIO AGNO

I COMUNI DEL TERRITORIO AGNO

Dati generali

( STEMMA )Agno si trova a 283 metri sul livello del mare e conta attualmente circa 4500 abitanti.

Per la sua ubicazione viene definita “la porta del Malcantone”.

Si tratta di un importante centro del Malcantone, nel quale si sono sviluppate varie strutture di rilievo quali alcuni centri commerciali, il centro sportivo e il lido comunale. Il borgo promuove e ospita numerose attività ed eventi quali la tradizionale Fiera di San Provino, l’Agno Open Air Festival estivo e tante altre attività ricreative e culturali.

È inoltre sede di diversi uffici regionali, tra i quali ricordiamo l’Autorità regionale di protezione, lo Sportello Laps, la Giudicatura di pace e l’Ufficio di conciliazione.

Cenni storici

Ritrovamenti archeologici, che in parte siamo onorati di custodire nel nostro Museo plebano (presentato in dettaglio più avanti, in questo stesso articolo), ci lasciano comprendere che la vallata e le pendici dei monti che ci circondano (e comprendiamo anche il Malcantone) furono abitati già nella preistoria, con presenza ligure. A questa civiltà si sovrappose il popolo celtico, con palesi influssi etruschi. La regione, come tutta la zona prealpina, passò poi nell’età di Cesare sotto l’influsso romano.Gli storici moderni ritengono che tutto il territorio a nord della Tresa e la valle del Vedeggio siano attribuiti alla pertica di Milano così che la città potesse sempre disporre di una via diretta che partendo dalla Valle Olona, in Italia, portasse a Bellinzona e ai passi dell’alto Ticino e del Moesano. Via senz’altro strategica tanto in ambito militare quanto in ambito commerciale  e della quale in molti avranno già sentito parlare: la Strada Regina. Strada che che fin dall’alto medioevo collegava Magadino con Ponte Tresa attraverso il Monte Ceneri e la Valle del Vedeggio e strada che ancora oggi, per quanto non sul percorso originale (che ricordiamo è però in molti tratti ancora percorribile), è via di comunicazione di grande uso, affluenza e utilità.Al V secolo risale la probabile cristianizzazione della regione; la plebana venne eretta nel nostro paese, con il titolo di San Giovanni Battista, cui venne aggiunto, nel secolo XII, San Provino quale compatrono. Tra il medioevo, età moderna ed età contemporanea Agno appartenne dapprima al Vescovo e ai Signori di Como, poi al Ducato di Milano, quindi ai Cantoni svizzeri; infine, tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo, quando le terre ticinesi prima con la Repubblica Elvetica e poi con la rinnovata Confederazione conseguirono la propria autonomia, Agno, come gli altri comuni politici della regione, cominciò a prendere parte alla vita del Canton Ticino.

Lo stemma

Lo stemma è composto da un pesce rosso in campo argentato nella parte inferiore e una croce bianca in campo rosso nella parte superiore. In esso è racchiusa un po’ la storia di Agno presentato nei paragrafi precedenti, che ha visto il borgo appartenere alla regione lombarda: il pesce rosso in campo d’argento rappresenta i diritti sulla peschiera posseduti dall’arcivescovo di Milano, che sono poi passati al vescovo di Como, rappresentando questo passaggio con la croce bianca su sfondo rosso (che ritrovate anche nello stemma stesso di Como). I diritti furono poi venduti, lo scorso secolo, al Canton Ticino.

Luoghi e monumenti rappresentativi

La casa comunale

Il Municipio di Agno occupa l’affascinante Villa Aprica, villa voluta e costruita dalla vedova del colonnello Natale Vicari nei primissimi anni del ‘900.

Dopo essere stata l’abitazione della famiglia, fu poi venduta e adibita a “Pensione” per alcuni anni. Un luogo incantevole in cui trascorrere qualche giorno di villeggiatura.

Il Municipio acquistò poi la villa, adattando gli spazi alle necessità di servizio ma cercando di mantenere, soprattutto nella parte esterna, la meravigliosa struttura voluta dalla famiglia Vicari.

Il parco comunale

Il nostro parco, affacciato sul Ceresio, con le sue maestose piante, la spiaggia e tanto, tantissimo verde rimane un posto davvero incantevole in tutte le stagioni. In estate i bambini giocano e corrono felici e gli adulti si godono panorama e piacevole venticello, mentre in inverno diventa luogo in cui passeggiare e, se le temperature lo permettono, fermarsi su una panchina per osservare il lago o leggere un buon libro.

Collegiata dei SS. Battista e Provino

Si tratta di un edificio che risale al 1780 progettato dall’architetto Antonio Boffa di Cassina.

La chiesa è monumento nazionale e al suo interno vi sono molte sculture e opere interessanti.

All’esterno, sopra l’entrata principale, vi è un rosone chiuso da una vetrata grigia, che cambia colore a seconda della luce e della posizione di osservazione.

Quattro statue imponenti in pietra dominano l’entrata e la facciata principale: sono le statue di San Giuseppe, San Giovanni Battista, San Pietro e San Paolo.

Museo plebano

Il Museo plebano fu ideato e fondato dal prevosto Alfredo Maggetti in collaborazione con Giovanni Boffa e venne inaugurato nel 1955. Il Museo nacque quale luogo storico-archeologico, in cui raccogliere ed esporre monete romane, avelli romani, nord-etruschi e altomedievali, nonché arredi sacri e stendardi.

Nel 1991, in occasione del 700° della Confederazione svizzera, viene ideata la nuova sede del Museo, che è la sede attuale, attigua al campanile. Gli spazi, sapientemente ristrutturati dagli architetti Angelo Bianchi e Gabriele Milesi, sono unici nel suo genere e i materiali rievocano la sua storia e la storia del territorio. Oggi le esposizioni cercano di mantenere il lato storico, quale filo conduttore, ma spaziano in ambiti anche più contemporanei, lasciando che passato e presente dialoghino tra le mura creando sempre esposizioni accattivanti ed entusiasmanti.

Prossimi eventi e manifestazioni sul nostro territorio (da maggio a dicembre 2020)

–> Per maggiori dettagli e aggiornamenti, vogliate consultare il sito www.agno.ch

Fiera di San Provino, da sabato 7 a lunedì 9 marzo 

Festa di primavera al Lido comunale, da sabato 11 a lunedì 13 aprile 

Cabaret al Lido Comunale, sabato 6 giugno

Luna Park, da venerdì 3 luglio a domenica 2 agosto

Agno Open Air Festival, evento di musica al Parco comunale, da venerdì 24 a domenica 26 luglio e venerdì 31 luglio

Agno Open Air Festival e Festa nazionale, sabato 1° agosto

Festa in Piazza Negri a Serocca, sabato 22 agosto

Slow dream, manifestazione di mobilità dolce, domenica 13 settembre

Castagnata in Piazza Negri a Serocca, domenica 4 ottobre

Festa d’autunno al Lido comunale, sabato 10 e domenica 11 ottobre  

Concerto di gala della Filarmonica di Agno, presso la scuola elementare, domenica 6 dicembre

Info orari e contatti cancelleria comunale 

Il Municipio di Agno è raggiungibile ai seguenti recapiti e orari.

Telefono: 091 612 23 23

Orari sportello: dal lunedì al venerdì, dalle 9.45 alle 11.45; il mercoledì anche dalle 17.30 alle 18.30

Recapiti emails:

Ufficio / servizioEmail
Cancelleriacomuneagno@agno.ch
Controllo abitanticontrolloabitanti@agno.ch
Servizi finanziariservizifinanziari@agno.ch
Ufficio socialeufficiosociale@agno.ch
Ufficio tecnicoufficiotecnico@agno.ch

Fonti e link di interesse:

https://www.agno.ch
http://museoplebano.ch
http://www.strada-regina.ch

Il Piano del Vedeggio, Salvioni Edizioni, 2008

La Pieve di Agno, edizioni Bernasconi SA, 2003

Condividi!

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest